7 motivi per cui gli editori rifiutano i manoscritti

by CJ McDaniel // Ottobre 11 // 0 Comments

Se hai mai avuto il tuo manoscritto rifiutato da un editore, sei in buona compagnia. Anche i più grandi scrittori sono stati respinti almeno una volta. Se hai il sogno di diventare un giorno un autore pubblicato, la cosa migliore è non prenderlo sul personale. Non è un vero riflesso del tuo lavoro, ma dovresti prestare attenzione.

Gli editori hanno standard estremamente elevati. Hanno messo tutti i loro soldi, tempo e sforzi nella pubblicazione e nel marketing di libri. Se il tuo non è all’altezza, non hanno remore a rifiutarti subito. Quindi, piuttosto che lasciare che ti allontani dalla scrittura, impara dal processo. Riconosci che ci sono numerose strade per essere pubblicato.

Il modo migliore per gestire il rifiuto è conoscere ciò che hai fatto di sbagliato. La maggior parte degli editori si prenderà il tempo di dirti perché hanno rifiutato il tuo lavoro. Ascolta attentamente e applica le loro correzioni. Forse puoi ricandidarti con loro o usare ciò che hai imparato per applicare a diverse aziende.

Ecco un elenco di 10 motivi per cui gli editori rifiuteranno il tuo manoscritto:

1) Stai cercando troppo duramente di seguire una tendenza

Sì, sappiamo che i vampiri erano una cosa dopo Twilight e i maghi dopo Harry Potter. Il fatto è che gli scrittori inondano il mercato con questo tipo di storie, cercando di incassare. Se provi a fare lo stesso, diventa noioso. Sembri non autentico. Sono le stesse storie che vengono raccontate ripetutamente. Scrivi la tua storia e crea il tuo mondo unico.

https://www.adazing.com/wisdom-and-advice-for-aspiring-writers/

2) Il tuo lavoro è troppo complicato.

Quindi, potresti pensare che in un mondo in cui esistono “Il Signore degli Anelli” e “Game of Thrones”, è facile per gli editori correre rischi. Sono alcuni dei libri più venduti al mondo e hanno una trama complessa con una lista di personaggi lunga un miglio. Ma, mentre hanno superato l’ispezione, in molti casi, gli editori metteranno giù il tuo libro se è troppo complicato e difficile da leggere.

3) Il tuo libro inizia debole

È del tutto comprensibile che molti autori abbiano bisogno di tempo per riscaldarsi. Sapere come iniziare il tuo manoscritto è una delle decisioni più angoscianti che uno scrittore prende. Se è noioso e lento, non riuscirà a coinvolgere lo scrittore. Quindi, gli editori sono particolarmente attenti a raccogliere un inizio particolarmente lento di un libro.

4) Personaggi che non sono speciali

Entrando nel vivo della tua storia, devi creare un personaggio a cui le persone tengono. Devono innamorarsi e lasciarsi avvolgere dalla loro storia. Se l’editore non percepisce alcuna cura per il personaggio, rifiuterà il tuo manoscritto. Pertanto, non avranno motivo di accettarlo!

5) Troppi personaggi stock

Allo stesso modo di seguire una tendenza, ci sono troppi personaggi stock nei libri là fuori oggi. Il “miliardario genio del male” o la “bella bomba bionda”. È noioso e a nessuno importa più. I migliori libri hanno creato personaggi straordinariamente complessi al momento giusto.

6) È troppo predicatorio

Molte storie hanno una storia morale. È fantastico, ma la maggior parte delle persone non vuole qualcosa che sia una predica extra o abbia un obiettivo morale con cui non ragionare. Non creare un messaggio nemmeno nella prima pagina. Deve essere qualcosa che si sviluppa in una trama interessante. Un messaggio morale, di per sé, non è una lettura interessante.

7) Lettere di richiesta poco chiare

Quando scrivi una lettera di richiesta, il tuo obiettivo è vendere il tuo libro all’editore. Molti scrittori continuano a parlare di quanto sia buono il libro, ma offrono poco sul perché. Se la tua lettera di richiesta è solo un pezzo glorificato “perché il mio libro è meraviglioso”, verrai respinto. Quindi, non dai all’editore alcun motivo per accettare il tuo manoscritto.

About the Author

CJ grew up admiring books. His family owned a small bookstore throughout his early childhood, and he would spend weekends flipping through book after book, always sure to read the ones that looked the most interesting. Not much has changed since then, except now some of those interesting books he picks off the shelf were designed by his company!